gioco-simbolico

Il Gioco Simbolico dei Bambini

I bambini sono una fonte straordinaria di capacità, che si sviluppano anche grazie a quella costante curiosità rivolta verso il mondo circostante. Una di queste è la capacità di rappresentazione, che si manifesta attraverso il cosiddetto gioco simbolico. Nelle varie fasi di sviluppo, il gioco simbolico riveste un ruolo chiave poiché determina un’evoluzione a livello cognitivo, affettivo e sociale. Il gioco consiste nell’imitare ciò che accade nella realtà tramite oggetti, azioni, situazioni. Un oggetto può essere utilizzato non in funzione di quello che realmente è, ma per rappresentare qualcos’altro la cui forma e funzione si possono immaginare.

Durante il primo anno di vita non si può parlare di gioco simbolico ma di esplorazione, di cui il bambino ha bisogno per raccogliere informazioni sugli oggetti e sulle relative qualità percettive. È a partire dal secondo anno di vita che il gioco simbolico fa il suo esordio. Le modalità di gioco diventano più complesse, gli oggetti possono diventare altri oggetti, si mettono in atto delle scene simboliche. In questa fase il gioco si evolve gradualmente, all’inizio coinvolge solo il bambino che, ad esempio, fa finta di dormire. Successivamente il gioco si estende anche agli oggetti, ad esempio facendo finta che la bambola mangi. Nel terzo anno di vita le zioni di gioco diventano più complesse, coinvolgendo simultaneamente più oggetti sostitutivi. Il gioco simbolico si sviluppa nell’arco di tutta la prima infanzia fino ai 6 anni e anche oltre, fino a quando la componente ludica è caratterizzata dalla finzione. Si tratta di una esperienza di crescita autentica e imprescindibile per lo sviluppo dell’identità del bambino. Attraverso l’incontro con gli oggetti, e la trasformazione di essi in qualcos’altro, il bambino decodifica la realtà e inizia a crearsi i mezzi per interpretarla.

Con il passare degli anni, si assiste ad una variabilità dei temi, dei contesti narrativi e dei significati attribuiti agli oggetti, il gioco diventa sempre più sofisticato. La qualità emotiva resta sempre la stessa, il bambino risulta estremamente assorbito dal gioco e lo vive come un impegno serio. Attraverso il gioco simbolico il bambino allarga il proprio campo d’azione, esprimendo la necessità di conoscere il mondo. L’imitazione delle situazioni e delle persone corrisponde al bisogno di intervenire in modo attivo sulla realtà, di superare i limiti delle possibilità di azione concreta, per allargare le proprie esperienze.

Come creare un piccolo Orto fai da te
Detergenti fai da te

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *