Vegani è solo moda

Vegani. E’ solo moda?

Essere vegani è solo una moda o si crede veramente in quello che si fa? E’ vero che questo movimento, come anche altri è nato a metà del novecento, quando è cominciato il benessere e le persone hanno cominciato a poter sciegliere cosa mangiare e cosa no, ma è anche vero che essere vegani significa fare delle rinunce. I vegani rifiutano tutti i cibi di origine animale compresi i loro derivati. Quindi, non solo non mangiano carne (come i vegetariani), ma anche tutti i prodotti che derivano dagli animali come: uova, latte, formaggi, miele. Tra l’altro evitano anche i prodotti cosmetici o i capi d’abbigliamento fatti con ingredienti animali; non utilizzano, quindi: piumini d’oca, seta, lana.

I vegani rifiutano uno stile di vita basato sullo sfruttamento intensivo di ogni forma di vita. In Italia sta aumentando, considerevolmente, il numero dei vegani, tanto è vero che ci sono sempre più ristoranti dove si possono assaggiare le loro specialità: seitan, tofu, carne vegetale. Bisogna, però, dire che non tutti i vegani lo sono per motivi etici(salvaguardare gli animali); c’è anche chi adotta questo tipo di alimentazione perchè crede che mangiare la carne crei danni alla salute. In realtà, l’eccesso di proteine diventa veramente dannoso quando si riduce troppo il consumo di carboidrati(come avviene con la dieta Dukan). Inoltre, la carne rossa dannosa per la salute è quella troppo bruciata o troppo lavorata(salumi,wurstel,hamburger pre-confezionati). Cominciano a venir fuori nuovi studi, come quello condotto dall’ European Prospective Investigation into Cancer, che ci fanno sapere che non ci sono differenze di mortalità tra chi è vegano e chi consuma poco meno di 80 grammi di carne al giorno. Addirittura la carne è ricca di vitamina B12 che non è contenuta nei vegetali, la cui assenza può provocare anemie e problemi neurologici in chi non l’assume. Quindi, va bene tutto purché il fine sia davvero il reale benessere.

Il caro e vecchio Aspirapolvere Folletto
La posizione dell’Unione Europea sulle quote Immigrazione